sabato 21 novembre 2009

Trova la casa editrice adatta al tuo stile!

Dopo un po' di tempo finalmente un nuovo post sui rocamboleschi avvenimenti della "vita da illustratore".

La frase che da il titolo al post mi ha torturata per lungo tempo, a partire dalla mia prima visita alla fiera del libro per ragazzi di Bologna.
In quel periodo andavo ancora all'accademia di illustrazione ed ero armata dei miei progettini libro che avevo creato lì fra quelle pareti. Proprio dai nostri professori mi sentii dare per la prima volta questo consiglio, che in seguito sarebbe divenuto un vero e proprio tormentone: "Proponi il tuo progetto a quelle case editrici che ti sembrano più in linea con il tuo modo di disegnare".

Non avevo capito assolutamente a cosa andavo incontro ma esclamai un entusiasta "si!" e partii carica di buona volontà alla volta della fiera.

Entrare lì fu come sentirsi improvvisamente ubriachi. L'ebbrezza era provocata dalla moltitudine di colori, segni, formati, stand colorati e altro ancora.

E lì, si proprio lì, pensi ingenuamente: "farò un primo giro per vedere un po' cosa c'è e poi deciderò con chi parlare".

Finii il giro e...

e...

e niente! O perlomeno io non avevo le idee molto più chiare di quando avevo varcato la soglia.

A quel punto decisi che, visto che non sapevo assolutamente a chi rivolgermi in particolare, avrei chiesto un po' a tutti.

Come ho detto ero ancora studentessa, quindi il mio book rifletteva il fatto che il mio stile non aveva ancora imboccato una via certa: acquerelli, acrilici trattati con pennello e con spatola, pastelli ad olio e a cera, china e tecniche miste che più miste non si può. Un pout-pourri di tecniche! A questo potrei aggiungere che le illustrazioni non erano realizzate tutte esattamente con lo stesso segno, sembrava un book "a più mani" a rivederlo adesso. E' naturale immagino, e io in quel momento non me ne accorgevo nemmeno un po'.

In ogni caso collezionai un buon numero di opinioni, alcune apparentemente entusiaste (l'apparente entusiasmo in fiera ti viene spesso incontro! La maggior parte delle volte non porterà nessun lavoro, però fa bene all'autostima! XDD), altre più pacate e/o ricche di consigli e infine alcune mai date, anche con un poco di malagrazia aggiungerei.

A fine fiera "estrassi" dal mio panierino mentale dei buoni consigli (quelli che non servivano li avevo lasciati lì in fiera per non appesantirmi troppo durante il viaggio di ritorno) tra i vari che mi erano stati dati e ne individuai alcuni ricorrenti:

- Cerca uno stile che sia tuo e ti renda riconoscibile (a questo dedicherò più avanti un post perché sento che merita di essere approfondito e blaterato in separata sede)
- Correzioni di alcuni errori frequenti
- Indicazioni sui punti di forza dei miei lavori

MA SOPRATTUTTO

- TROVA LE CASE EDITRICI CHE PIù SI ADATTANO AL TUO STILE

A questo punto uno non trova niente da obiettare.
Si tratta indubbiamente di un consiglio sensato.

Ma

"QUAL'E' IL MIO STILE?" non potei fare altro che chiedermi.

Non è che non avessi in mente una MIA idea di quale fosse il MIO modo di disegnare. Ma non capivo che idea ne avessero gli editori.

Peggio.

In ogni stand avevo visto una moltitudine di libri.
In ogni stand (o quasi) c'era almeno un libro che sembrava accostarsi al mio modo di disegnare e che mi induceva quindi a pensare che forse c'era la possibilità di essere presa in considerazione da questo o da quell'altro editore.

Partivo all'assalto e dopo: presentazioni, sorrisi e buoni consigli arrivava, quasi inevitabilmente, il buon consiglio definitivo: ti conviene chiedere a quegli editori che pubblicano libri più vicini al tuo stile.

La cruda realtà è che NESSUNO sa dirvi solitamente quale sia il vostro stile e dove potreste incanalare i vostri sforzi.

Il primo tentativo fatto era stato di suddividere i lavori nelle due macro-categorie Fiction e Non-Fiction (in perfetto stile fiera del libro di Bologna) ma non aveva sortito questo grande successo.

Quindi incominciai a chiedermi:
Dovrò rivolgermi a quelli che fanno disegni rotondeggianti e graziosi? Era in effetti un periodo in cui disegnavo tutto piccolo-carino-e-rotondo.

Il tentativo su questa via mi gettò altro fumo negli occhi. Trovare qualcosa di grazioso&rotondo era fin troppo facile fra tutti quei libri, talmente facile che la scrematura era insignificante.

E così il Buon Consiglio tornava velocissimo a passo di carica.

Allora optai per una divisione in tecniche di disegno. Acquerello, acrilico, pastelli a cera e così via.

Un altro flop disastroso.

A quel punto presi una decisione... fare un passo indietro. Presentarmi dovunque ci fosse anche una minima chance e vedere cosa succedeva.
Così sono passati alcuni anni e ho finalmente ottenuto un miglior "colpo d'occhio" per gli stand dove dirigermi; anche se la sicurezza di colpire nel segno non c'è mai del tutto, almeno ormai nessuno mi suggerisce più da tanto tempo il Buon Consiglio.

Se devo affidarmi alla logica direi che ormai suddivido le case editrici a seconda del tipo di pubblicazioni (classico albo illustrato, da colorare, narrativa, scolastica, disegni con affinità al fumetto, illustrazione scientifica ecc.) e in base al target che va "per la maggiore" fra le pubblicazioni esposte (prescolare, elementari, medie, liceo...).

E' comodo e funziona :)

Per il resto lo stile crescendo vien da sé.

7 commenti:

Silvia ha detto...

Che sagge parole ;_;
Io purtroppo mi accorgo benissimo di non aver uno stile mio, senza nemmeno dove guardare i miei vecchi lavori.. e il brutto è che non so neppure a quale stile accostarmi.. mi piacciono TUTTI! (Sì, beh, a seconda del giorno o dell'autore per cui sto in fissa in quel momento insomma).
Da un po' di tempo ho cercato di non copiare proprio uno stile preciso, ma di prendere uno spunto qui e uno la.. ma il risultato è continuamente diverso lo stesso >_>
Appro ma che categorie sono fiction e non fiction? °.°

Elisa.M ha detto...

Non fiction è l'illustrazione anche detta "scientifica", ovvero sia realistica... animali, persone, macchinari...e via dicendo!
Fiction è tutto quello che attinge felicemente dalla fantasia e che può permettersi maggiori libertà rappresentative :D

Cmq sai, in realtà quando tu disegni e sperimenti in realtà mantieni una tua mano e un tuo modo di disegnare. Io lo vedo bene e senza dubbio lo vedono anche le persone che ti conoscono.
Anche per me era così, io non vedevo un mio stile ben definito ma le persone intorno a me dicevano di riconoscere i disegni fatti da me.

Immagino sia normale continuare tutta la vita a sperimentare,prendere ispirazione, paciugare... e per questo motivo il tuo modo di disegnare si evolve e tu non riesci a distinguerlo!

Però, o almeno questo è quello che è successo a me, ad un certo punto inizi a vedere degli elementi ricorrenti... ad esempio quando disegno gli occhi, anche se ogni tanto cambio qualcosina, bene o male il "modus operandi" vedo che rimane lo stesso :)

Stefania ha detto...

Sempre interessanti queste avventure e utili, almeno per me, perchè di questo mondo non ne sapevo davvero nulla :)

Hai ragione riguardo al proprio stile, dopo un pò inizi a trovare elementi ricorrenti ed un modo tuo di rappresentare le cose, questo non vuol dire che poi ci si debba fermare, anzi è più che giusto continuare a sperimentare sia perchè conoscere ti da la possibilità di sceglire meglio quello che vuoi fare, sia perchè è un buon allenamento e fonte di innumerevoli spunti per coltivare e far crescere l'ormai famoso "stile" ;)

All'inizio anche a me sembrava di fare cose tutte diverse (e a volte ancora mi pare essere così) ma poi col tempo (anche grazie a chi mi ha detto: "Tu hai già un tuo stile") ho imparato a riconoscerlo e migliorarlo.

Ora sono in pieno dilemma "Tablet or not Tablet"... il colore digitale è fantastico ma il disegno a mano mi da più possibilità perchè lo conosco da sempre, e così sperimento e sperimento e sperimento :P

Grazie ed un sorriso
Stefania

Jaelle ha detto...

Il tuo blog è davvero interessante, ti faccio i complimenti :) non solo per il blog!
Buona giornata

Elisa.M ha detto...

@Stefania: Anche io non potrei vivere senza il colore tradizionale (in particolare l'acquerello), ma con la tablet potrai esplorare un sacco di possibilità che magari con le tecniche manuali sarebbero, se non impossibili, davvero lunghe da ottenere!
E non devi per forza rinunciare alla tua tecnica preferita, ma anzi puoi divertirti a trovare il modo di integrare le due!! :D

@Jaelle: ti ringrazio! Sei gentilissima! X3 ^O^

Chiara ha detto...

Anche se ho letto questo post più di due anni dopo rispetto a quando lo hai pubblicato devo dire che è stato molto illuminante (come tutto il tuo blog del resto ;) )
Io sono ancora alle prime armi e mi sono rispecchiata moltissimo nelle tue parole.. mi fa davvero piacere aver "scoperto" questo blog, penso proprio lo visiterò spesso :)

Paola A. ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.

Argomenti frequenti

acquarello (8) bologna (13) book (29) bozza (17) bozzetti (13) comic (9) comic who (25) concorso (22) consigli (45) contest (10) copertina (11) corso (22) december (12) dicembre (12) disegno (17) Doctor Who (35) F.A.Q. (11) fiera (24) Hansel e Gretel (12) I miei lavori (54) illustration (25) illustrations (11) illustratore (28) illustrazione (120) illustrazioni (81) Io disegno a modo mio (11) lavori (12) lavoro (102) libri (18) libro (60) livre (13) making of (14) matita (47) matite (37) portfolio (8) Roma (12) schizzi (11) striscia (25) vignetta (19) vignette (27) vita da illustratore (20) workshop (16)

Google+ Followers

Networked Blog

Zazzle Shop

Visualizzazioni totali

Post più popolari

Zazzle shop - Comic Who

Tandem Jeunesse 2011

Tandem Jeunesse 2011
Cette année, je participe aussi!

Comic Who

Comic Who
http://www.comicwho.com/