giovedì 26 giugno 2014

L'esercizio per un illustratore - La famosa sindrome "Questo-Mi-Annoia"

2002, pianeta intrattenimento televisivo.

C'era un vecchio episodio della seconda stagione di Scrubs dove compariva un personaggio, il Dr. Doug Townshend. Amato da tutto l'ospedale, anche dai membri più ostici come il Dr. Kelso e l'Inserviente, ad un certo punto si scopre che aveva rinunciato da tanti anni ormai ad aggiornarsi nella professione. Questo mette inevitabilmente a rischio la vita di un paziente e il Dr. Kelso, seppure  a malincuore e combattuto, deve allontanare l'amico e interdirlo dall'esercizio della professione.


2014, pianeta illustrazione.

Da noi non dipende la vita delle persone GRAZIE A TUTTI GLI DEI ma di sicuro siamo altrettanto responsabili di qualcosa: la nostra professione.

Quando iniziamo a studiare, freschi freschi di liceo, abbiamo tutto l'entusiasmo del mondo: proviamo sperimentiamo, facciamo e disfiamo. Ma già da allora si iniziano a manifestare i primi pericolosi sintomi della famosa sindrome "Questo-Mi-Annoia" che viaggia sempre a braccetto con "Voglio-Su-Carta-Quello-Che-Ho-In-Testa".

Il problema è che la nostra immaginazione viaggia lontano, a cavallo della velocità della luce. Produce immagini, storie e sensazioni che esplodono multicolori nella nostra mente. E in quei momenti noi guardiamo noi stessi, la nostra matita, i nostri esercizi di anatomia e di prospettiva e pensiamo: che palle.
Ci sentiamo pesanti, ci sentiamo ostacolati. Ci sembra di essere trattenuti dal fare quello che siamo veramente votati a fare: far fluire su carta le immagini che si affastellano nella nostra mente, splendide.

Allora che diamine! Al diavolo gli esercizi! Molliamo tutto e iniziamo a lavorare ad una bella illustrazione come la vogliamo noi.... salvo poi, ad un certo punto, renderci conto che il nostro personaggio è alto COME IL PALAZZO ACCANTO o che ha un braccio più corto dell'altro o un occhio più in alto o le orecchie che sono scivolate sul collo o balzate sulle tempie.

La cosa più frustrante è quando uno non se ne accorge ma ha LA MALVAGIA E VERITIERA SENSAZIONE che qualcosa non vada. Allora, ancora fieri della nostra opera la mostriamo a qualcuno che sappiamo ci dirà un parere sincero e competente, o quanto meno accorto.

Ed eccola lì, la timida domanda, imbarazzata, che temiamo dall'inizio: "Come mai il piroscafo è grande quanto il carlino della signora che si vede in lontananza?"

E, mentre rispondiamo mortificati ci sentiamo anche in dovere di precisare che quella non è una signora, ma un uomo. E non è nemmeno in lontananza.

Ora ovviamente io la sto rendendo un tantino esagerata, probabilmente perchè ogni volta che salta fuori un errore mi sento esattamente così: come se avessi disegnato un carlino alto quanto un piroscafo, con un padrone che sembra una signora lontana e invece non lo è.

Ma su cosa dobbiamo fare esercizio?

E' facilissimo saperlo! Su tutto ciò che non ci piace disegnare!

E' inutile esercitarsi solo con le figure femminili se disegnate ragazze dall'alba al tramonto, anche se sapete che potreste farle ancora meglio. E' inutile disegnare l'ennesima automobile se non riuscite a far girare un essere umano ed è inutile voltarsi dall'altra parte dicendo che le cose tecniche come la prospettiva non vi riescono quando dovete comunque implementarle nella vostra tavola.
Ok, non è detto, si può avere uno stile surreale. Ma ci sarà sempre qualcosa che ci serve sapere e che, quando vediamo arrivare in lontananza verso di noi, ci induce a cambiare sentiero.

"Passerò per questo ex sentiero militare ora invaso dai rovi e con qualche mina inesplosa qua e là. Sicuramente ME LA CAVERO' MEGLIO".

No, non ce la caveremo meglio. Faremo un lavoro di cui non siamo soddisfatti pienamente. Magari lo faremo in meno tempo. Magari non dovremo esercitarci o ridisegnare la tavola. Ma non avremo disegnato quello che volevamo.

E allora a che pro? Non siamo qui per realizzare quello che abbiamo dentro? Tutti gli atleti professionisti vorrebbero arrivare alle Olimpiadi ma ci arriva solo che si esercita quotidianamente sui suoi punti deboli.
E uguale noi.

Ora vi starete chiedendo: ma perché ci hai fatto tutto 'sto pippone?

La risposta è che era rivolto a me stessa. E spero possa essere di sprone a qualcuno come me :)

3 commenti:

Bea P. ha detto...

Hai perfettamente ragione!Credo che il trucco per farsi piacere gli esercizi che ci annoiano, sia renderli più interessanti: ad esempio tempo fa avevo letto di qualcuno che consigliava di studiare la prospettiva da fotogrammi di film che ci piacciono, e devo dire che mi sembra una buona idea!

Elisa Moriconi ha detto...

Ciao Bea, l'idea dei film non mi spiace affatto... farò un tentativo, anche perchè la prospettiva è la mia croce più grande XD

Claudia ha detto...

Hahahah, bellissimo articolo! grazie (anche per il pippone!)

Argomenti frequenti

acquarello (8) bologna (13) book (29) bozza (17) bozzetti (13) comic (9) comic who (25) concorso (22) consigli (45) contest (10) copertina (11) corso (21) december (12) dicembre (12) disegno (17) Doctor Who (35) F.A.Q. (11) fiera (24) Hansel e Gretel (12) I miei lavori (54) illustration (23) illustrations (11) illustratore (27) illustrazione (119) illustrazioni (81) Io disegno a modo mio (11) lavori (12) lavoro (102) libri (18) libro (60) livre (13) making of (14) matita (47) matite (37) portfolio (8) Roma (12) schizzi (11) striscia (25) vignetta (19) vignette (27) vita da illustratore (20) workshop (16)

Google+ Followers

Networked Blog

Zazzle Shop

Visualizzazioni totali

Post più popolari

Zazzle shop - Comic Who

Tandem Jeunesse 2011

Tandem Jeunesse 2011
Cette année, je participe aussi!

Comic Who

Comic Who
http://www.comicwho.com/