lunedì 6 dicembre 2010

F.A.Q. a cura di.... Morena Forza



#1 - HAI FREQUENTATO SCUOLE DI DISEGNO (SUPERIORI, ACCADEMIE, UNIVERSITA', CORSI PRIVATI)? SE SI QUALI?

Purtroppo la mia risposta è: "non proprio."
La mia educazione artistica è iniziata in casa, mia zia è pittrice ed entrambi i miei genitori sanno disegnare. Diciamo sono cresciuta in un ambiente immerso nella pittura soprattutto,ma anche nella fotografia.
Nonostante ciò ho intrapreso con diciamo scarso entusiasmo, la ragioneria. Dopo il Diploma non mi sentivo all'altezza di Belle Arti e ho studiato Lingue all'università. Ma il disegno rimaneva il mio interesse principale, tantè che ho iniziato a disegnare per lavoro durante l'università, per dei siti americani inglesi e tedeschi (arte digitale) 
Durante questo periodo ho preso confidenza con il fatto che ero in grado di farlo come mestiere, incoraggiata da diversi concorsi vinti e dall'apprezzamento di molti,anche all'estero. Coi soldi guadagnati da artista digitale mi sono pagata un anno di IED serale, che purtroppo per gravi condizioni di salute mi è toccato sospendere. Ero a malapena arrivata a figura e disegno dello spazio.
L'anno scorso ho frequentato un corso di Anatomia per Artisti, alla Scuola di Arti Applicate dello Sforzesco che mi ha aiutato tantissimo, nonostante la breve durata.
Subito dopo ho frequentato un workshop di Photoshop uscendone brillantemente formata (tanto che ho iniziato a dare lezioni a pagamento).
A parte questo si può dire che sommariamente sono un'autodidatta. Un po' ne vado orgogliosa, in parte mi dispiace, perchè frequentare lezioni d'Arte mi piace da morire.

#2 - QUALI ERANO LE MATERIE / I CORSI CHE COME PRINCIPIANTE HAI SEGUITO CON MAGGIOR PIACERE E TI SONO RISULTATI PIU' UTILI?

Senz'altro anatomia.
Non è possibile plasmare un personaggio in una scena e renderlo dinamico, senza solide basi di anatomia. Le inquadrature rendono tutto più interessante. Il frontale è noioso, e se non sai applicare l'anatomia ti troverai ad usarlo spesso o a nascondere parti molto esprsesive del corpo,come le braccia o le mani.

#3 - QUALI SONO INVECE QUELLE MATERIE / CORSI CHE CHE PENSI RIUSCIRESTI ADESSO A FREQUENTARE CON MAGGIOR PROFITTO?

Senza dubbio Colorazione Digitale. Anche perchè ho sviluppato dei metodi personalissimi e so usarne diversi ugualmente efficaci.

#4 - HAI INCONTRATO DIFFICOLTA' AD AVVICINARTI A QUESTO LAVORO UNA VOLTA FINITI GLI STUDI? SE SI, QUALI?

Beh direi proprio di sì, perchè non sono stata formata come professionista illustratrice,ma come ragioniera. :D 
Quindi ho dovuto costruirmi io, prendere contatti,fare tantissima ricerca,cosa che tra l'altro continuo a fare.

#5 - QUALE PENSI SIA IL MIGLIOR MODO PER TROVARE LAVORO IN QUESTO AMBIENTE (COLLOQUI, FREQUENTARE LE FIERE DI SETTORE, INVIARE MATERIALE, ALTRO)

La curiosità in ogni sua forma,l'autodisciplina e una FORTISSIMA tenacia e forza di volontà.
Mi spiego. Vedo molti illustratori e disegnatori in genere (anche di fumetti) pigri. Non hanno iniziativa. Va bene non sapersi muovere ma ormai non è come 20 anni fa. Con l'avvento di internet tutto è a portata di mano: email e siti degli art director, case editrici, agenzie per illustratori, concorsi, mostre a cui farsi conoscere. 
Con questo non dico sia facile, anzi, bisogna prendere tante porte in faccia, tanti rifiuti, tante email non risposte, e tutto questo mantenendo un livello sano di autostima come artista e la fiducia nelle proprie capacità. In alcuni periodi può capitare di sentirsi inadatti. Fa parte "del gioco". Il fatto è che sono fasi ,periodi,che vanno superati.
Concretamente direi: giocarsi la curiosità investendo tanto tempo in questa attività. Può sembrare scontato da dire ma non è così. Disegnare per lavoro richiede tanta costanza. La mia vita gira attorno all'illustrazione,interamente. E' parte integrante di me. Se non disegno, mi informo, navigo siti di altri artisti, di case editirici.
Questo può essere molto stancante ma ripaga, anche se bisogna mettere in conto che ci vogliono almeno un paio di anni per iniziare ad avere qualche commissione decente e qualche pubblicazione, di solito. Ci vuole pazienza,davvero tanta. Perserveranza.
I colloqui vanno presi solo quando OBBIETTIVAMENTE si ha un portfolio valido,altrimenti è una perdita di tempo. Per quanto riguarda le fiere, io consiglierei di andarci almeno una o due volte senza prendere appuntamenti e senza portare i disegni. Andare solo per vedere com'è l'ambiente,come funziona, immergersi dolcemente per capire in modo graduale come funziona la realtà nell'illustrazione.
Perchè le fiere non sono solo qualcosa di artistico anzi,nè rimasto poco. E' come una borsa. Si fanno affari,si tratta di mercato. Può sembrare brutale da dire ma è così. Un illustratore deve occuparsi di mercato, non stare ancorato su sè stesso,deve essere pronto a cambiare eventualmente,perchè il mercato non assorbe ciò che non gli interessa. A me è capitato. Le tre ore di riflessione Bologna - Milano sono state le più formative del 2009. 
Per fare un rapido decalogo direi:
- preparare un buon portfolio (coerente ed omogeneo,eventualmente progetti di storie con tavole legate da una narrazione,per far vedere come si lavora su un eventuale pubblicazione)
- avere un buon sito; è irrealistico voler essere conosciuti senza essere su internet.Come ha detto un professore di fumetto a Roma "Se non sei su internet, non esisti". VERISSIMO. Non usate deviantart. Non è considerato professionale,DeviantArt è una community. non "un sito". Fate un portfolio online pulito e facilmente consultabile,dove non manca il modo di contattarvi.
- Fatto ciò (e solo dopo aver fatto ciò) preparare una decina di lavori low resolution e inviarli per mail. MAI mandarne di più. Nessun art director o agente spende più tempo a vedere 40 illustrazioni. Alcuni lo dicono persino sul sito stesso.
- Una cosa che a me è servita molto: creare una pagina fan su facebook, e aprire dei negozi online magari su Zazzle.com. A parte il fatto che io sto vendendo benissimo, specie per le ricorrenze (san valentino,Natale, Halloween) e i personaggi famosi (Alice,Il piccolo principe) aiutano tanto a farti conoscere specie all'estero! E' un invstimento di tempo che vale la pena. Anche Etsy.
Lascerei Deviantart come piacere di una community, perchè di solito chi ti cerca su deviantart cerca un artista a basso o nullo costo. Non usatelo come sito professionale.

#6 - QUALE FORMA PENSI SIA LA MIGLIORE FRA LE SEGUENTI PER INVIARE I TUOI LAVORI IN VISIONE AD UN EDITORE: E-MAIL (JPG, PDF...) O POSTA TRADIZIONALE (STAMPE, CD-ROM)?

Diciamo che dipende dal mercato a cui ci si vuole rivolgere. 
Personalmente ritengo che il cartaceo sia un vuoto a perdere; in Italia va ancora molto,all'estero quasi nessuno se ne occupa più. 
A me poi per email hanno risposto quasi sempre (ma sottolineo,non passa quasi mai meno di un mese ,è normale) e non costa nulla! Io ho creato due pdf (ho due portfoli staccati,adatti a target diverso e a case editrici diverse! Anche differenziare è importante!) una specie di book ,letteralmente,con le immagini (10-12 e non di più,anche qui) Il pdf deve essere strategico: graficamente leggero ma non triste. Non troppo pesante (a nessun editore o agenzia piace avere la posta infognata di allegati pesantissimi! Ho visto cestinare email per questo in un'agenzia) ,deve contenere PER PRIMI i pezzi forti,quelli che sentite "i vostri cavalli di battaglia" ciò di cui andate più fieri poi il resto (comunque devono essere una buona cernita, non mettete tutto ciò che avete , pensate bene cosa può piacere e interessare e cosa no. Ho disegni belli che però non sono adatti all'editoria,evito di spedirli) e poi ricordarsi sempre di aggiungere anche nel pdf il proprio contatto,e nome e cognome.

#7 - MEGLIO INVIARE PROGETTI (PER LIBRI,/FUMETTI/ANIMAZIONE, PROGETTI DI GIOCHI, ECC) O TAVOLE SFUSE? iN CHE CASI PUO' ESSERE MEGLIO FARE L'UNA O L'ALTRA SCELTA?

Dipende da chi si contatta.
Come dicevo prima, secondo me è meglio provare almeno a fare dei progetti di libro. Se mandi solo tavole sfuse a una casa editrice ,questa non avrà idea di come lavori su un progetto globale. Sarai capace di portare avanti 30 tavole con un design omogeneo e di sviluppare il personaggio in modo che sia riconoscibile in ogni tavola? A loro piace saperlo. 
Se invece ti rivolgi a una casa che produce biglietti di auguri,anche tavole sfuse vanno bene. :)

#8 - COME E' ORGANIZZATO IL TUO BOOK / PORTFOLIO DA FIERA?

Direi maniacalmente :D
lo divido secondo le case editrici che mi interessano!
non puoi fare vedere le stesse cose alla casa X che si occupa di didattica e alla casa XY che si occupa di libri popup,per dire
Perdi tempo tu,ne fai perdere a loro. E' un vuoto a perdere.

#9 - COME PROMUOVI TE STESSO ONLINE? ELENCACI I LINK DOVE POSSIAMO TROVARTI IN RETE

Haha sono come un fungo,ho colonizzato mezzo internet :D
www.mairim.net questo è il mio sito principale
sugarcream.deviantart.com questo è il mio account su deviantart,purtroppo il nick risale a 6 anni fa,e non si può cambiare. Ma continuo a tenere quello perchè ormai ho molti watchers e mi spiace perderli ^^'
mairimart.blogspot.com questo è il mio artblog
robadadisegnatori.blogspot.com questo è il mio blog che si occupa di articoli concernenti il disegno. Articoli molto vari,che vanno da storia a nuovi autori a modi per ispirarsi a materiale ispiroso :) è una delle cose che dicevo prima: l'illustrazione permea ogni mia giornata. Tramite roba da disegnatori sono sempre nel Disegno anche quando non disegno! ;)
zazzle.com/mairim_art questo è il mio negozio online
twitter.com/mairim_art  è il mio twitter! Non sottovalutatelo! Ho conosciuto tantissime persone interessanti su Twitter,dell'ambiente!

#10 - LA CORREZIONE DA PARTE DI ALTRI E' FONDAMENTALE, MA LO E' ANCHE IMPARARE AD AUTOCORREGGERSI E A TROVARE L'ISPIRAZIONE PER FARE COSE NUOVE MAI FATTE PRIMA. COME TI MUOVI QUANDO DEVI AFFRONTARE UN LAVORO NUOVO?

In verità è un processo che avviene in modo molto spontaneo. Ho dei periodi in cui sono "in stallo" ma non resto ferma. Navigo molti siti altrui,leggo libri o compro artbook, vedo film in costume,provo della nuova musica,cucino piatti nuovi.
La mente è come una serratura,ogni tanto va oleata! :D
Quindi non è che scelgo "adesso mi metto a rivoluzionarmi" semplicemente accade.
In ogni caso,scelto il settore a cui rivolgersi,è bene non fare trecento diramazioni della propria illustrazione; magari a livello personale ma se in un portfolio metti 10 lavori ed ognuno con uno stampo diverso (moda,infanzia,adolescenza,editoriale ecc) probabilmente darai un'immagine di te ancora in formazione. Il chè non è niente di male, ma probabilmente non ti contatteranno.
Io ho infatti diviso il sito personale da quello per i potenziali clienti ;) 
Ho fatto una scelta,io voglio disegnare per l'infanzia (e sto per lavorare a un fumetto che uscirà in primavera 2011 con Pavesio) se mi va di fare un'illustrazione più intima,più mia,più personale, non la metto sul sito rivolto agli editori, lo pubblico sullo spazio personale.

3 commenti:

Annalisa ha detto...

E' un post utilissimo, davvero. Ho sempre desiderato leggere una lista di domande e risposte così chiare e specifiche! L'unica cosa che io ancora mi chiedo è, utilizzi il Curriculum? E se si, come lo hai strutturato?
Grazie :3

Morena ha detto...

Ciao Annalisa,felice di essere utile, e bellissima l'iniziativa di Elisa :)

Dunque, io ho realizzato un curriculum vitae in pdf dove elenco pubblicazioni, per chi ho lavorato, cosa so usare (io sono digitale per cui elenco i software che uso) e ci ho messo anche le mostre a cui ho partecipato e per cui sono stata selezionata :)

Dama di Picche (Flavia) ha detto...

no cioè... sei autodidatta praticamente! E' stupendo!! anch'io ho speranza!!! ç_ç
so che è difficile ma caspio ce la posso fare anch'io!
grazie mille, mai FAQ furono più utili, praticamente e moralmente!! <3
*Quindi non è che scelgo "adesso mi metto a rivoluzionarmi" semplicemente accade.*
Verissimo, io un giorno mi sono resa conto che stavo disegnando bozzetti sempre + realistici, anche se ho sempre disegnato bambine più a 'pupazzetti' (è orrendo detto così ma sono carine davvero, pure alla mia scuola di illustrazione le approvano x3) così ho iniziato a seguire questa propensione e ora praticamente faccio solo questo, sto diventando tipo victoria frances... cioè... magari, però l'avviata è quella!! xD a scuola nn ci credono quando lo vedono xD

grazie ancora per le tue risposte, davvero, mi sono sentita molto meglio, non so perchè, adesso nello specifico ma mi hai dato forza!

in bocca al lupo per il fumetto!

Argomenti frequenti

acquarello (8) bologna (13) book (29) bozza (17) bozzetti (13) comic (9) comic who (25) concorso (22) consigli (45) contest (10) copertina (11) corso (21) december (12) dicembre (12) disegno (17) Doctor Who (35) F.A.Q. (11) fiera (24) Hansel e Gretel (12) I miei lavori (54) illustration (24) illustrations (11) illustratore (27) illustrazione (119) illustrazioni (81) Io disegno a modo mio (11) lavori (12) lavoro (102) libri (18) libro (60) livre (13) making of (14) matita (47) matite (37) portfolio (8) Roma (12) schizzi (11) striscia (25) vignetta (19) vignette (27) vita da illustratore (20) workshop (16)

Google+ Followers

Networked Blog

Zazzle Shop

Visualizzazioni totali

Post più popolari

Zazzle shop - Comic Who

Tandem Jeunesse 2011

Tandem Jeunesse 2011
Cette année, je participe aussi!

Comic Who

Comic Who
http://www.comicwho.com/